Edit – A taste for sharing

LuogoTorino, Italia
ClienteCondivido s.p.a.
Anno2017

Concept

Lamatilde ha affiancato la famiglia Brignone nell'ideazione di un format innovativo nell’ambito del food&beverage che unisse nuove strutture lavorative come il coworking, il fablab e l'incubatore. Dopo la validazione del format, che ha visto la collaborazione dell'acceleratore The Doers, è stata avviata la progettazione degli interni e dell'identità visiva.
Il risultato di questo processo durato due anni e mezzo è Edit, un unicum internazionale nel suo genere che contamina i culinary incubator americani con le specificità innovative della cucina italiana e le potenzialità sperimentali della cultura brassicola. 2400 mq distribuiti su due piani, in cui il pubblico può decidere di diventare protagonista attivo noleggiando le attrezzature produttive professionali messe a disposizione.

Sviluppo

L'intervento architettonico si è posto come obiettivo fondamentale il rispetto dell'eredità industriale dell’edificio che ospita Edit, unito allo sviluppo di varie e differenti aree in cui l'utente possa sentirsi sempre accolto e a proprio agio. Il carattere industriale è particolarmente evidente non solo nei laboratori a vista, ma anche e soprattutto nella scelta delle finiture brutaliste: cementizi in varie declinazioni, acciaio grezzo, zincato, inox o verniciato nero, peltro, tonalità in scala di grigio, il tutto ammorbidito dai dettagli in ottone, dalle superfici in legno di rovere, dai tessuti scamosciati, dai velluti e dalla vegetazione sospesa. Il concept visivo del kit esperienziale definisce invece il criterio che regola le geometrie superficiali. 

La percezione finale è di un luogo dall’ampio respiro che tuttavia non appare mai vuoto, in cui si possono vivere esperienze differenti ed eterogenee come gli spazi in cui vengono accolte, tutti accumunati da una rassicurante sensazione di comfort.
Edit rappresenta un unicum anche per quanto riguarda il design degli interni: tutti gli elementi fissi e gran parte di quelli mobili, infatti, sono stati realizzati in modo sartoriale appositamente per questi spazi come ad esempio il bancone della Brewery, che con i suoi 25 metri di lunghezza si afferma come il più imponente in Italia. Lamatilde ha seguito e coordinato l’intero iter esecutivo e allo stesso tempo diretto la produzione e i montaggi in cantiere.

CREDITS

APERTURA
23 novembre 2017

REALIZZAZIONE
19 ottobre 2015

AREA
2500 m2

SITO
Via Cigna 96/17 10155

COMMITTENZA
Condivido s.p.a.

CONCEPT, INTERIOR E VISUAL DESIGN
lamatilde

PROGETTO ARCHITETTONICO
Studio Amirant
Studio Cattaneo

PROGETTO STRUTTORALE
Studio di Progettazione – Ing. Alessandro Ferro

 

PROGETTO IMPIANTI
Studio HTC  S.r.l.

BUILDING MANAGEMENT SYSTE
Enerbrain S.r.l.

IMPRESA DI COSTRUZIONI
Co.ge.fa S.p.A.

IMPIANTI MECCANICI
Pussetto E Pollano  S.r.l.

IMPIANTI ELETTRICI
Imp Electric  S.r.l.

IMPIANTO AUDIOVISIVO
Abacus

IMPIANTI ANTINTRUSIONE
GM S.n.c.

ATTREZZATURE CUCINA
Grandimpianti Ali S.p.A.

ATTREZZATURE BIRRIFICIO
Simatec  S.r.l.

SERRAMENTI ESTERNI
Pedro S.r.l

ALLESTIMENTI
Fama Group S.r.l.

FORNITURA ILLUMINOTECNICA
Elettrogruppo Zerouno S.p.A.

INSTALLAZIONE LUMINOSA
Light Solutions S.r.l  Emanuele Lomello

ARTIGIANI
Labanto, Elio Gallo, Impresa DF, Tappezzeria Reviglio, Trabaco, BT Saldature, Carpenteria Manzi, ROI Graniti, Gianluca Tolin, Paolo Valentino Monaco, Neon Floris, Massimo Bucchi, Chen Li, Livio Osella