Guarini

LuogoTorino, Italia
ClienteGuarino
Anno2019

Concept

Il nuovo locale food & wine Guarini, che in via Guarini si trova, deve il proprio nome a questa coincidenza: principale ispirazione del progetto, specialmente nei suoi aspetti più decorativi, diventa un omaggio divertito all’architetto simbolo del barocco torinese.

Sviluppo

Nella cornice di pareti in laterizio, colori e materiali definiscono gli spazi del Guarini: se nella zona del bancone prevale lo scuro del viroc, scaldato da dettagli in legno fraké, nella sala, invece, attraverso un gioco di ribaltamento tra viroc e legno, l’ambiente si schiarisce. Qui, a dominare la scena, la grande cupola in alluminio, sospesa sui tavoli più vicini alle vetrine: con un diametro di 4 m, è la prima di due installazioni dedicate all’opera più popolare di Guarini: la Cappella della Sindone.

La seconda, nell’area privé, è una parete interamente decorata da un pattern parametrico, ispirato alle geometrie che la cupola rivela, se vista dal basso. Qui, l’acidatura del fondo ottonato applicato alla parete, provoca un’ossidatura graduale che fa del muro un elemento vivente, un organismo che muta nel tempo, insieme allo spazio.

CREDITS

TEMPI DI REALIZZAZIONE
aprile – giugno 2019

SUPERFICIE
203 mq

PROGETTO ARCHITETTONICO E INTERNI
lamatilde

FOTOGRAFIE
PEPEfotografia

VIDEO
Andrea Silvestro

SOUND DESIGN
Daniele Mana

INSTALLAZIONI E OPERE
BT Saldature (cupola)
Grazia Lombardi (parete)

 

ALLESTIMENTI
New Coop
Sommo F.lli
Elio Galliano (ferro)

ILLUMINOTECNICA
Elettrogruppo Zerouno

ATTREZZATURE
Ali Group

FINITURE
Ars Domus (tessuti)
Parquet Pro